martedì 27 aprile 2010

Mamma Cattiva da Bravi Bimbi


Devo confessarvi che questa intervista di Barpapapà mi ha proprio divertita.

Le domande dirette ti spingono a cercare delle risposte adeguate e altrettanto dirette ed è un po' come ascoltarsi dall'esterno.

Ringrazio il sito Bravi Bimbi per questo bel momento di condivisione.

7 commenti:

Ondaluna ha detto...

Ho provato un brivido quando ho letto degli esordi su VereMamme, sulla Sindrome della Rotonda, ricordandomi che "io c'ero". Ne sono stata felice.
Se ripenso a quando io ho iniziato a scrivere, condividiamo questo senso di "cattività" nei nostri esordi.
E per me che sono un pò fissata con l'etimologia delle parole (che è come andare alle radici delle cose), il passo è breve: "captivus" (in latino) era il prigioniero che costretto alla reclusione era molto molto arrabbiato. Devo dire che mi si addice abbastanza.
Di quel periodo ricordo i tuoi sms (quelli dal mare, ad esempio), ed il tuo messaggio rispetto al percorso dell'autonomia, che mi ha dato tanta speranza.

bismama 2.0 ha detto...

Oddio...è davvero bella!!!

Silvietta ha detto...

carissima, è bello sapere di averti seguito fin da principio e seguire motivazioni e spinte alla tua "cattiveria". Indubbiamente, il ricordo della giornata davvero perfetta accompagna la tua intervista e alcune mie giornate particolarmente indovinate. A questo punto, aspetto di godere anch'io dell'epoca di "creatività e comunicazione".
un grande abbraccio s.

Lanterna ha detto...

Grande! Ma com'è 'sta cosa che le nostre madri non si ricordano dei dolori del parto? Ma mia madre veramente, è arrivata persino a ipotizzare che le abbiano fatto una sorta di anestesia (?). Voglio dire: a mia figlia non dirò che è una roba insopportabile, c'è di peggio. Ma insomma, c'è gente in giro che va a dire che la ceretta all'inguine fa più male di un parto!

Anonimo ha detto...

non sono poi così male le brioches di Bologna, kativa che non sei altro! ;-) ZN

PaolaFrancy ha detto...

la cosa bella di quest' intervista è che sei proprio tu!!! mi spiego: forse è perchè ti ho conosciuto di persona, ma io ti immagino proprio mentre parli ... con quell' aria che hai un po' da bambina, un po' pensierosa. ma non bambina pensierosa. donna.

ciao, paola

Mamma Cattiva ha detto...

Arrivo un po' in ritardo a ringraziarvi, al solito. Tanto ormai siete di casa...

@Onda - Decisamente tu c'eri e non solo in quel periodo ma anche dopo. Facile iniziare a seguire una voce narrante ma ancora più prezioso continuare a seguirla.

@Bis - Grazie donna del mistero :) Fai bene sai a conservare l'anonimato...

@Silvietta - E anche tu c'eri e vale il commento dedicato a Onda. Siamo anime affini che si sostengono e alimentano senza chiedere nulla in cambio. Solo per questo benedico il giorno in cui ho aperto questo blog :)

@Lanterna - Ma ti ricordi che ci siamo conosciute al primo momcamp di Milano? con Piattini che ci ha fatto sbellicare dalle risate? Magari non ti ricordi ma io di te sì e sono felice di essere arrivata qui, mammacheridere compresa e senza ritorno ;)

@ZN - Tu sei il mio mondo fisico. Il tempo ultimamente ci rema contro ma tu sei sempre con me. BTW, le brioche di Bologna non si possono mangiare e tu che sei una grande viaggiatrice e hai spesso frequentato anche i bar più infimi di Roma sai benissimo che anche nel più scarso i cornetti battono 3 a 0 il noto Zanarini. Ho scovato qualche luogo dove si difendono ma il confronto non regge mai ;))

@PaolaFrancy - L'aria da bambina detto ai miei @*°%anta suonati ti porta a cinque metri sopra al cielo. Ci sei anche tu in questo percorso fiorito. Bello!